BENVENUTI

BENVENUTI
GIUSY blogger in tutti i sensi! Sposata con Filippo da 16 anni e mamma di Gloria da 8 sono un ex consulente informatica assicurativa. Dopo tanto girovagare ho messo le radici nella mia meravigliosa Puglia ed ho deciso di condividere con voi le tante passioni con tutti i SENSI! Grazie per la visita

WELCOME

Se hai un'azienda o un sito e desideri farmi conoscere i tuoi prodotti in modo da poterli recensire, contattami qui: foodandfashion2012@gmail.com
*** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** ***
If you are a company or website that would like me to test/review some of your products feel free to contact me at foodandfashion2012@gmail.com

domenica 20 dicembre 2015

Ricetta Pandoro

Finalmente dopo tanti anni mi sono cimentata nella preparazione del Pandoro! 
Certamente tra le ricette piu' laboriose che abbia mai realizzato.
L'arma fondamentale prima di iniziare è solamente una: TANTA PAZIENZA!
Vi sembrerà di aver sbagliato qualcosa quando arriverà il momento della lievitazione nello stampo: ore ed ore interminabili a sperare che si alzi ...ed invece la biga si prenderà tutto il suo tempo fino a raggiungere con calma e pazienza il livello desiderato!
Ecco il mio risultato dopo 3 giorni di attesa:



























La ricetta che ho seguito è quella delle sorelle Simili famose per le loro preparazioni di lievitati.

Ingredienti per un impasto di circa 1 kg
Lievito di birra 18 g
Farina Manitoba 450 gr
Zucchero 125 gr più un cucchiaio
Uova 3 intere e un tuorlo
Vaniglia i semini di 1 bacca ( io 1 bustina di vanillina)
Sale 1 cucchiaino
Burro 170 g
Latte 60 ml più tre cucchiai
Stampo per Pandoro HAPPYFLEX

Per realizzare tutte le fasi io ho impiegato in totale quasi 3 giorni con la lunga lievitazione finale. 
Ora vi mostro passo dopo passo con i tempi come ho proceduto.
PREPARAZIONE  DELLA BIGA:



Per prima cosa prepariamo il lievitino, ovvero la base con cui formare gli impasti successivi. In una ciotolina fate sciogliere 15 gr di lievito di birra in 60 ml di latte tiepido (1), unite un cucchiaio di zucchero (2), il tuorlo (3),



aggiungete poi 50 gr di farina (4) e impastate per amalgamare bene il tutto. Coprite questo primo impasto e fate lievitare fino a far raddoppiare il tutto. Ci vorrà circa 1 ora. Quando il volume dell'impasto sarà raddoppiato, fate sciogliere in tre cucchiai di latte 3 grammi di lievito di birra e versatelo al composto (5),


aggiungete i 100 gr di zucchero (6), l'uovo (7), amalgamate il tutto e versate questo impasto in una ciotola con 200 gr di farina (8) e impastate .



Unite poi 30 gr di burro a temperatura ambiente (9) e impastate fino a che non si sarà amalgamato all'impasto, ottenendo così un composto liscio. Coprite e fate raddoppiare il volume in luogo tiepido, ci vorrà circa un'ora (10). Procedete poi con il secondo impasto. Unite altri 200 gr farina (11),



le uova (12), lo zucchero (25 grammi), sale, i semi prelevati dalla bacca di vaniglia o la vanillina e impastate di nuovo. Schiacciate l'impasto, ripiegatelo su se stesso (13)e mettetelo in una ciotola unta con il burro e fate lievitare ancora fino al raddoppio (14-15). Poi mettete l'impasto a riposare in frigo per 8/12 ore.



Trascorso il tempo in frigorifero, rovesciate la pasta sul tavolo, tiratela con un mattarello formando un quadrato (16), distribuite al centro 140 gr di burro ammorbidito (17), portate i quattro angoli del quadrato al centro in modo da richiudere la sfoglia (18)


Fate attenzione a richiudere bene i bordi della sfoglia in modo che il burro non fuoriesca (19), spianare delicatamente in un rettangolo (20) e piegate in 3 (21) e far riposare per 15-20 minuti in frigorifero. Ripiegate nello stesso modo e far riposare in frigorifero per altri 15-20 minuti. Per comodità ho sistemato la pasta in una foglio di carta da forno.


Spianate, ripiegate di nuovo (22) e fate riposare in frigorifero per altri 15-20 minuti (23). Dopo l'ultimo riposo stendete l'impasto un'ultima volta (24)


ripiegate i bordi verso il centro (25), e procedete formando una palla rigirando i bordi verso l'interno (26-27).


Quindi imburrate lo stampo per pandoro alto 20 cm (28).


 Inserite l'impasto all'interno dello stampo imburrato, coprite lo stampo e lasciate lievitare finché non toccherà il bordo. 
E qui inizia la lunga attesa....puo' variare dalle 8 alle 12 ore...quindi portate pazienza. Lasciate l'impasto fuori dal frigo.


Mettete su una teglia da forno posta nella parte inferiore una ciotolina d'acqua e infornate il pandoro coprendo con della carta stagnola per evitare che si bruci la parte superiore, facendolo cuocere in forno statico già caldo a 170 gradi per 15 minuti, poi abbassate a 150 gradi e lasciate cuocere per altri 50 minuti circa. Prima di sfornare il pandoro regolatevi per la cottura facendo la prova stecchino: pungete il pandoro se lo stecchino rimane umido lasciatelo ancora cuocere altrimenti sfornate il pandoro e lasciatelo raffreddare. Poi sformate il pandoro e cospargetelo con lo zucchero vanigliato.

CONSIDERAZIONI FINALI
Come ho letto in altri blog il risultato è completamente diverso dai prodotti che si acquistano in pasticceria o in negozio: quindi non provate a fare paragoni di questo genere!
Il pandoro realizzato con questa ricetta è poco dolce quindi suggerirei di aggiungere almeno  ancora 50gr di zucchero. Il sapore è molto buono ma non ha tutti quei profumi che sentiamo in quelli commerciali poichè li utilizzano le essenze aromatiche.
Infine non è sofficissimo perchè non contiene conservanti.
A noi è piaciuto molto e soprattutto i bambini hanno gradito un prodotto fatto con ingredienti genuini e freschi!














19 commenti:

  1. non sono una fan del Pandoro, ma mi piacerebbe saperlo fare;)un bacione ^_^

    RispondiElimina
  2. Sei stata bravissima cara e vedrai che col tempo lo sarai ancora do più...ti credo che è piaciuto,le cose fatte in casa sono sempre le migliori...per quanto riguarda il sapore ti do ragione non verrà mai uguale a quello comprato però avrai la soddisfazione di averlo fatto tu :*

    RispondiElimina
  3. Sei stata bravissima cara e vedrai che col tempo lo sarai ancora do più...ti credo che è piaciuto,le cose fatte in casa sono sempre le migliori...per quanto riguarda il sapore ti do ragione non verrà mai uguale a quello comprato però avrai la soddisfazione di averlo fatto tu :*

    RispondiElimina
  4. è sempre una soddisfazione realizzare con le proprie manine una ricetta cosi complessa, bravissima, una fetta io l'assaggerei ben volentieri.

    RispondiElimina
  5. Wow..che bello il tuo pandoro!!!! io e da diversi anni che lo preparo a casa ed è davvero ottimo confronto a quelli industriali!! proverò la tua ricetta!

    RispondiElimina
  6. complimenti per la ricetta. bella tosta secondo me, diciamo che farla dà tanta soddisfazione personale, per il resto credo che tra ingredienti, lavoro e costo, finisci che ti costa più di quando lo si compra già pronto, vero?

    RispondiElimina
  7. Bellissimo il risultato del tuo pandoro!! io ho provato 2 volte a farlo a casa..ma purtroppo non è venuto bene, poi ha lievitato poco..proverò a seguire passo passo la tua ricetta!

    RispondiElimina
  8. Wow ti è venuto benissimo! Si vede che è bello soffice e immagino che profumo! La preparazione non è proprio semplice ma deve essere una vera soddisfazione e poi vuoi mettere la bontà di un pandoro fatto in casa?

    RispondiElimina
  9. Cosa vedono i miei occhi!!!!
    E' da un po' che mi tenta l'idea di fare il pandoro, quello che non ho ancora trovato è lo stampo adatto...dò un'occhiata al sito di Happyflex allora :-)

    RispondiElimina
  10. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  11. Questo stampo è utilissimo !! Io sono una frana con i dolci ma mia madre è bravissima !! Le farò leggere la ricetta così realizzerà per me il pandoro !!

    RispondiElimina
  12. Che aspetto meraviglioso! Deve essere buonissimo, ne sono certa! Però io non ne sarei mai capace :(

    RispondiElimina
  13. Bravissima, ti è venuto davvero bene, io non ci provo nemmeno perchè sono più brava nel salato che nei dolci. Un'occhiata al sito però la do sicuramente.

    RispondiElimina
  14. WoW complimenti! Sembra comprato, ma sicuramente è più buono!!!

    RispondiElimina
  15. Che bontà questo pandoro, molto soffice e sicuramente anche gustoso. Mi sono copiata la ricetta, grazie e buon Natale a te e famiglia

    RispondiElimina
  16. Posso solo dire bravissima! Io non mi sono mai cimentata nella preparazione del pandoro anche se lo amo! Hai illustrato così bene i passaggi che anche se è una ricetta lunga e un po' articolata voglio provare anche io! Spero che il risultato sia anche solo minimamente come il tuo!

    RispondiElimina
  17. Certo che con un dolce così bello fatto in casa il Natale è sicuramente più dolce e speciale! Complimenti fantastico pandoro vorrei provare anche io magari sarà per l'anno prossimo!

    RispondiElimina
  18. Caspita Giusy sei stata bravissima! L'aspetto è degno di un pandoro di pasticceria, sicuramente sarà anche buonissimo. Hai spiegato i passaggi in modo chiaro ed esaustivo, brava brava brava

    RispondiElimina
  19. Giusy sei stata bravissima, e davvero paziente! Io ho provato un paio di anni fa a preparare il pandoro in casa, ma non è venuto bene infatti ho sperimentato una ricetta differente rispetto la tua... e non è lievitato! Di sicuro li stampo aiuta molto anche in fase cottura, il tuo pandoro ha forma e colore perfetti. brava!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

e-buzzing