BENVENUTI

BENVENUTI
GIUSY blogger in tutti i sensi! Sposata con Filippo da 16 anni e mamma di Gloria da 8 sono un ex consulente informatica assicurativa. Dopo tanto girovagare ho messo le radici nella mia meravigliosa Puglia ed ho deciso di condividere con voi le tante passioni con tutti i SENSI! Grazie per la visita

WELCOME

Se hai un'azienda o un sito e desideri farmi conoscere i tuoi prodotti in modo da poterli recensire, contattami qui: foodandfashion2012@gmail.com
*** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** ***
If you are a company or website that would like me to test/review some of your products feel free to contact me at foodandfashion2012@gmail.com

domenica 16 marzo 2014

NASTRO ROSA......

E poi ci sono quelle giornate di inizio primavera, con il sole che splende in cielo e il clima lieve e tiepido che ti fanno rinascere dopo un lungo inverno grigio ed a tratti difficile per vari percorsi....e cosi' pensi....inizierà ad andare davvero tutto per il meglio!
Ma basta una telefonata a farti ripiombare nella tristezza, nello sconforto, nel dolore....anche se fuori cinguettano gli uccelli e gli alberi sono fioriti.
Avevo già deciso di condividere con voi un argomento difficile e delicato ma oggi mi sento in dovere di mettere in stand by tutto e parlarvi da
 DONNA a DONNA.



Dalla foto immagino abbiate capito che l'argomento è
CANCRO/ TUMORE 
al seno.

Siete certe di sapere cos'è davvero? Qual'è la differenza tra le due malattie?
Voglio iniziare da qui girandovi le nozioni prese in rete:

Con la parola cancro, che significa letteralmente granchio, si indicano solamente alcuni tipi di tumori, quelli definiti maligni: il termine infatti è stato coniato osservando che le cellule nel corso della loro incontrollata moltiplicazione formano propaggini (che ricordano la forma dei granchi) che avvinghiano le cellule normali vicine e le distruggono. La funzionalità degli organi invasi nella maggior parte dei casi vengono a mancare (ipofunzione), inoltre si riscontra frequentemente cachessia neoplastica, ossia grave debilitazione generale. Le cellule cancerogene appaiono morfologicamente e funzionalmente diverse dalle normali cellule che compongono il resto dell’organismo. La loro anomalia morfologica è tanto maggiore quanto più indifferenziato è il tumore e si manifesta con polimorfismo (mancanza diuniformità nella forma e nelle dimensioni delle cellule) degli organi cellulari, in particolare delnucleo, che è frequentemente ipertromico ed in fase mitotica. I tessuti vicini al tumore maligno vengono invariabilmente infiltrati e distrutti dalle cellule tumorali che si sostituiscono a quelle normali e continuano a diffondersi e a proliferare in maniera incontrollata, fenomeno noto con il termine di “invasività neoplastica“. Dunque le principali caratteristiche strutturali del tessuto neoplastico sono:
- presenza di cellule anomale molto diverse da quelle del tessuto di origine;
- perdita di ogni caratteristica morfologica e funzionale del tessuto di origine;
- difficoltà di individuazione a causa della loro diffusione;
- crescita di tipo infiltrativa/espansiva: il cancro non ha confini netti e oltre a crescere di 
volume si infiltra nei tessuti circostanti, invadendoli.

Il termine tumore deriva dal latino “tumor“, che significa “rigonfiamento”ed indica una neoformazione e la crescita abnormale di tessuto di tipo autonomo, in maniera progressiva e irreversibile. I tumori, detti anche neoplasie, sono formati da cellule la cui crescita èincontrollata; proliferano in eccesso e in modo scoordinato rispetto ai tessuti normali. Tale fenomeno è causato da alterazioni del patrimonio genetico delle cellule interessate, ed è alla base di una vasta gamma di malattie, classificate per diverse caratteristiche principalmente in tre modi:
- in base all’istologia delle cellule proliferanti(la loro natura): si possono avere tumori epiteliali, mesenchimali, delle cellule del sangue o del tessuto nervoso;
- in base all’aggressività e il decorso clinico: si distinguono in tumori benigni (non cancerosi) e tumori maligni (cancerosi, o cancro);
- i tumori maligni possono essere ulteriormente classificati in base allo stadio tumorale.

Non voglio entrare nello specifico perché questo mio post non vuole farvi studiare le malattie ma vuole solo farvi prendere coscienza di un terribile mostro che puo' comparire all'improvviso nelle nostre vite.
Io eseguo da sempre controlli scrupolosi ogni anno, da almeno 20 anni quando mi furono disgnosticati dei fibroadenomi ad entrambi i seni; l'unico modo per tenere sotto controllo queste forme tumorali benigne è la prevenzione costante. Quest'anno compio 40 anni e come norma si affianca all'esame ecografico quello della mammografia; vi confesso che a seguito dell'incidente avuto mesi fa e con lo scoppio dell'airbag sui seni, ho sempre avuto dolori costanti al seno dx, un aumento dell'attività delle ghiandole ascellari e da ultimo alcune secrezioni liquide dal capezzolo.
Tutti questi elementi mi hanno spaventata moltissimo ma sapete che reazione immediata ho avuto?
Paura di scoprire che ci fosse un tumore al seno.
Mi rifiutavo di prenotare la mammografia, preferivo far trascorrere i mesi in vista di eventi importanti quali la nascita di mio nipote e del matrimonio di mio fratello, non volevo rovinare tutto.
Ma piu' passavano i giorni e piu' mi rendevo conto che stavo affrontando la cosa nella maniera sbagliata, coraggio e prevenzione.....queste erano le parole giuste da far rimbombare nella mia mente.
E cosi' ho preso coraggio ed ho prenotato.
Venerdi' scorso la visita: vi racconto brevemente l'ora piu' lunga della mia vita; passo immediatamente a fare la mammografia, abbastanza fastidiosa ma nulla di doloroso. Attendo che le lastre siano pronte, già con una certa ansia, poi arriva il senologo che mentre le controlla con il radiologo inizia a confabulare con lui e poi mi chiedono di rifarne altre due.
Io perdo 10 anni di vita.....agitatissima chiedo come mai.....e mi viene detto solo di stare tranquilla.
Successivamente passo a fare visita ed ecografia e solo dopo 1 ora di controlli e di cuore a mille il medico mi dice " Ci vediamo il prossimo anno"
Io ovviamente mi rilasso ed il senolgo mi spiega per bene tutto, a partire dall'importanza di fare prevenzione costante ed accurata.
Non esistono tipologie di seno predisposte a sviluppare tumori o cancro ma solo un eredità genetica nel nostro DNA che puo' latitare per tutta la vita o svilupparsi all'improvviso...ecco perché da 1 anno all'altro è possibile avere un cambiamento totale di esito.
Ora sono molto piu' tranquilla e mi sentivo di raccomandare per favore a tutte voi DONNE giovani e meno giovani l'appuntamento con la visita al senologo e non rimandare ne per mancanza di tempo, ne per paura ne per mancanza di soldi (rivolgetevi ai consultori o lega tumori).
Oggi il tumore si puo' combattere, basta prenderlo in tempo ed avere il coraggio e la volontà di sconfiggerlo.
Dedico questo post a tutte le donne che stanno affrontando questo percorso difficile fatto di paure, disperazione e buio......e soprattutto ad una persona che venerdi' affronterà una mastectomia......
coraggio ti sono vicina e so che andrà tutto bene.

15 commenti:

  1. tanto coraggio, e in bocca al lupo alla tua persona che affronterà l'intervento....che Dio la vegli. :(

    RispondiElimina
  2. Giusy io cn mia nonna e mia mamma che hanno avuto entrambe il tumore al seno ogni anno al controllo ho sempre l'ansia... E ora cn 2 figli ho veramente tanta paura... X loro...x me... L'unica cosa che si può fare è essere sempre all'erta e non dimenticare i controlli.

    RispondiElimina
  3. Cara giusy so bn di cosa parli ed e vero....si ha paura di scoprirsi malate ma la prevenzione significa molto nelle forme tumorali.sono stata axxanto ad una mia amica cn questi problemi.ora sta bn tt è possibile

    RispondiElimina
  4. Ho perso per un tumore al seno una mia amica tanto tempo fa, poi una mia cugina ha scoperto un tumore al seno lo scorso anno ed ancora una mia ex compagna di classe sta facendo le chemio sempre per un tumore al seno. Io mi controllo regolarmente ogni anno ma quanta paura ogni volta...

    RispondiElimina
  5. Nella mia famiglia, fortunatamente, non ci sono stati casi di malattie tumorali ma in compenso abbiamo altro tipo di predisposizione. Purtroppo però anche tra amici e conoscenti miei c'è un buon numero di persone che hanno o stanno affrontando tale battaglia. E' sempre dura e serve grande sostegno da chi gli sta vicino. Io ti ringrazio per questo post, molto informativo e utile. Un augurio immenso alla tua amica.

    RispondiElimina
  6. Cara Giusy....apprezzo molto la tua sensibilità all'argomento ed il fatto che ne hai parlato qui sul tuo blog.
    E' proprio vero, il coraggio e la prevenzione sono le due uniche armi che possono aiutarci a sconfiggere questo mostro chiamato cancro!
    Io purtroppo nella mia famiglia ho moltissimi casi di tumori maligni e per questo ho sempre le antenne spiegate: ho conosciuto anche diverse persone che hanno dovuto affrontare un calvario a causa della malattia e concordo con te....bisogna essere tanto vicine a loro, perchè sono confuse e terrorizzate!
    Io pregherò di cuore affinchè l'intervento della tua amica sia risolutivo e che vada tutto per il meglio.....a tutte le altre dico: TENETEVI CONTROLLATE!!!!

    RispondiElimina
  7. Cara Giusy quello che hai scritto ti fa molto onore..non ti nascondo che leggendo il tuo post ho pianto e ho tremato dalla paura visto che nella mia famiglia c'è stato un caso di malattia tumorale...è davvero fondamentale controllarsi e farlo spesso..perchè in questa maniera possiamo almeno cercare di tenere a bada questa brutta bestia!!! un bacio grande <3

    RispondiElimina
  8. Mia mamma ha avuto una mastectomia quando ero ragazzina, la prevenzione ed i controlli possono fare davvero la differenza, cerco di tenerlo bene a mente. Un abbraccio alla persona che venerdì affronterà l'intervento, andrà tutto bene ♥ Un bacio a te cara Giusy, sono felice che la visita alla fine sia andata bene, posso immagine la paura che hai provato :**

    RispondiElimina
  9. Cara Giusy, l'argomento è davvero delicato, leggo i commenti e scopro con dispiacere che tante persone nella loro vita hanno avuto a che fare con questa malattia anche se indirettamente.
    E' difficile in primis per chi è malato e difficile ed angosciante per chi gli stà accanto, ma il coraggio e l'affetto spesso aiutano molto di più di quanto ci si immagini.
    La prevenzione è sempre la via migliore anche se spesso il non voler sapere ci conforta di più, credo che la vita sia bellissima ma qualche volta quando ti mette di fronte a certe situazioni sia terribilmente crudele.
    Comunque forza Giusy, mi sembra di capire dalla visita che sia tutto ok quindi non ti abbattere, controllati, cerca sempre di volerti bene e di pensare positivo perchè di pensieri positivi ne abbiamo tanto bisogno.
    Ti abbraccio.
    Coscina di pollo

    RispondiElimina
  10. Un grosso grosso in bocca al lupo per la persona che venerdì dovrà affrontare questa dura prova...Un bacione e un abbraccio grande....

    RispondiElimina
  11. Grazie per il tuo post! E' sempre importante essere informati sull'argomento e prevenire.. mia mamma è stata operata di tumore anni fa e per fortuna è stata presa in tempo la cosa, così adesso sta bene e per ora non ha avuto ricadute.. io non mi sono ancora fatta controllare ma ho già l'ecografia al seno prenotata... anche se sono giovane, visto il caso in famiglia, è bene che ci stia dietro... magari poi non mi viene niente, però insomma un controllo non costa nulla!! :) purtroppo ho visto mia mamma quanto è stata male e anche poi le conseguenze che si porta dietro, sia dell'intervento che delle cure dopo, e quindi mi sento sempre molto vicina a tutte le donne che purtroppo si ammalano di questi tumori o di cancro... mi piacerebbe che si desse però più credito anche alle terapie alternative e che si trovasse un buon metodo che davvero sostituisca la chemioterapia perché questa ti devasta in tutti i sensi... ci sono alcuni medici che sostengono che anche i tumori siano in certi casi anche la conseguenza di somatizzazioni a livello psicologico, tipo il dolore per la perdita di un figlio, un'amore finito etc... quindi secondo me si dovrebbe lavorare anche in questa direzione per capire come mai queste cellule all'improvviso mutano. speriamo appunto che la medicina vada avanti e che presto si trovino soluzioni meno invasive! sono felice che il tuo controllo sia andato bene! Un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie per la tua testimonianza cara! Sono contenta che tua mamma abbia superato bene la malattia e che sia con te a ricordarti sempre com'è importante prevenire...anche da giovanissime!
      Ho scritto questo post di getto....senza magari dare spazio ad altri aspetti ma sarebbe dovuto servire un papiro per parlare di tale argomento in maniera completa.
      Pero' mi sento di condividere in pieno il tuo suggerimento circa i motivi per cui a volte si scatenano i tumori....ne parlavo proprio ieri con altre amiche......si la correlazione tra eventi traumatici e lo sviluppo della malattia è molto frequente....e pare che anche chi ha un carattere piu' debole e tendenzialmente negativo o che implode le sofferenze senza esternarle.....è piu' soggetto ad ammalarsi. Complessa la nostra natura di essere umano.
      Un abbraccio.

      Elimina
    2. Hai perfettamente ragione Giusy! Se ti interessa l'argomento "somatizzazione psicologica in relazione alle malattie" ti consiglio di leggerti i libri di Claudia Ranville che è un medico biologo specializzato in Metamedicina.. maggiori info le puoi trovare sul sito www.metamedicina.it.
      Un bacio!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

e-buzzing